Storia
MEDIAZIONE FAMILIARE - Aggiornamento Insegnanti -

CORSO DI FORMAZIONE ALLA MEDIAZIONE FAMILIARE

Aggiornamento per insegnanti

Presentazione
Ormai da diverso tempo anche nel nostro territorio la mediazione familiare è stata individuata come una utile risorsa da offrire a sostegno della genitorialità che rischia di essere messa a dura prova in una fase di forte criticità, come può essere appunto quella separativa. Il progetto sulla “mediazione familiare” nasce dalla rilevazione della forte necessità segnalata dai vari soggetti che si occupano delle famiglie e dei loro figli e che suggeriscono l’opportunità, ormai inderogabile, di interventi specialistici capaci di rispondere alla richiesta di aiuto proveniente dalle coppie dei genitori separati o in via di separazione. La mediazione familiare, per mezzo di specifiche tecniche operative, interviene in differenti luoghi del conflitto e può rappresentare un valido strumento con cui accogliere il disordine e permettere a due soggetti in conflitto di riprendere un dialogo interrotto o, viceversa, di crearne uno nuovo in un’ottica che tenta di superare schemi rigidi di presa in carico individuale di tipo assistenziale, in ciò favorendo e restituendo ai contendenti la capacità di governare il conflitto. L’esperienza fin qui condotta sia a livello regionale che nazionale ci indica che l’attività del servizio non si esaurisce nel contatto diretto con i genitori, essendo una parte cospicua dell’operatività diretta a promuovere e diffondere una nuova e diversa cultura della separazione, ancora improntata alla logica della vittoria dell’uno sull’altro e che favorisce e legittima la definizione di schieramenti che negano la posizione di neutralità accogliente. Incidere sulla cultura ancora dominante significa anche agire come agenzia formativa-promozionale, orientata a cogliere e a favorire cambiamenti verso quanti, soggetti sia pubblici che privati, interagiscono con le famiglie alle prese con la vicenda separativa: insegnanti, avvocati, medici, operatori dei servizi, ecc. In questa prospettiva, ci si è da tempo impegnati a proporre e realizzare iniziative pubbliche, seminari, corsi di formazione e sensibilizzazione mirati a fornire strumenti di analisi ed interpretazione di aspetti critici che caratterizzano le situazioni separative, sostenere il compito educativo nei riguardi dei bambini che evidenziano disagi e difficoltà rispetto ad una situazione familiare di separazione, favorire l’assunzione di atteggiamenti efficaci nell’approccio ai genitori separati, riconoscendo responsabilità e dignità ad entrambi.
Contenuti del percorso
  • Il contesto psicologico, sociale e culturale della separazione
  • I soggetti coinvolti nella separazione
  • La mediazione familiare come processo di aiuto neutro ed accogliente
  • I canali comunicativi da ripristinare
  • Andamento pratico della mediazione
  • Elementi di legislazione in materia di separazione e divorzio
  • La collaborazione con gli altri servizi
Articolazione delle giornate
  • 1° Modulo: “Il vissuto dei genitori che si separano”
    1. Separazione come disordine-devianza/evento possibile della vita affettiva di una coppia
    2. Risonanza sociale
    3. Processi di passivizzazione e infantilizzazione dei genitori che si separano;
    4. Plenipotenziarietà educativa / delega
  • 2° Modulo: “Il vissuto dei bambini coinvolti nella separazione dei genitori”
    1. I bisogni fondamentali dei bambini
    2. Paure / Debolezze / Risorse dei bambini nelle situazione di separazione
    3. Poter riconoscere “una cattiva separazione” dal punto di vista del bambino
    4. L’uso del linguaggio
    5. La scuola luogo di normalità per tutti i bambini
  • 3° Modulo: “Le funzioni educative e la responsabilità giuridica dell’insegnante”
    1. Rapporto insegnante - altri interlocutori coinvolti nelle storie di separazione
    2. Il percorso giudiziario nel contesto della vita relazionale
    3. Il ruolo dell’insegnante rispetto al conflitto legale
  • 4° Modulo: “La mediazione familiare come processo per la riorganizzazione delle relazioni a seguito della separazione”
    1. L’equivicinanza accogliente;
    2. Gli obiettivi, i contenuti, il percorso della Mediazione Familiare
    3. L’accesso al servizio di mediazione familiare: quale collaborazione tra l’insegnante ed il mediatore.
  • 5° Modulo: “Restituzione dei contenuti del corso, analisi e valutazione”
    1. Restituzione dei contenuti dell’esperienza
    2. Valutazione da parte dei partecipanti
    3. Il vissuto degli insegnanti (esposizione di situazioni da parte degli operatori della scuola alla luce del percorso effettuato)
Metodologia
Saranno adottate tecniche di didattica attiva, lavori in gruppi e sottogruppi, simulazioni, utilizzo di audiovisivi, esercitazioni, discussioni di casi.
Risultati attesi
  • Acquisizione, da parte degli operatori coinvolti, di una maggiore professionalità, strettamente correlata alla capacità di cambiamento in funzione dei radicali mutamenti della società e delle dinamiche familiari
  • consolidamento di un nuovo modo di operare nell’ambito dei servizi educativi nei confronti delle famiglie alle prese con la vicenda separativa
  • strutturazione di un rapporto di collaborazione finalizzato, fra l’altro, a favorire e potenziare nel tempo l’accesso delle famiglie alla fruizione del servizio di mediazione familiare
Attività di verifica e monitoraggio
Incontri periodici di scambio, confronto, valutazione tra operatori del mondo della scuola, dei servizi educativi e della mediazione familiare finalizzati a sostenere il rapporto di collaborazione attraverso la discussione e supervisione di casi.
Responsabile e Docente del corso
Dott. Salvatore Coniglio, Mediatore Familiare dal 1994, consulente presso vari Centri per le Famiglie dell’Emilia Romagna, docente e responsabile di corsi di formazione dal 1997.
Costi
€ 50 a persona
Saranno applicati sconti del 20% ai soci AIMEF e del 10% a gruppi di almeno due persone; le agevolazioni non sono cumulabili.
Dove
Presso le sedi di Cremona Via Dante 209 e di Ravenna Via Sant’Alberto 300/A
Pre-iscrizione on-line
 
Torna a /CORSI