Neurofeedback dinamico non lineare

Neurofeedback dinamico non lineare

Il neurofeedback dinamico non lineare è una tecnica non invasiva e indolore che permette al
cervello di migliorare il suo funzionamento e le sue capacità grazie ad un’auto-regolazione
naturale della sua attività. Si basa sulla propensione del cervello a ripararsi autonomamente
attraverso la sua neuro plasticità.

È una tecnologia assolutamente priva di rischi.

Il procedimento è 100% naturale e il cervello viene messo semplicemente in contatto con sé
stesso.

Il neurofeedback è il risultato dei progressi avvenuti nel campo delle neuroscienze,
dell’informatica, della matematica applicata e dalla neurofisiologia.

Lo strumento utilizza una forma di Elettro-encefalogramma, un computer e della musica.

La persona ha posizionati 2 sensori sulla testa e 3 sulle orecchie ed ascolta la musica attraverso
una cuffia. È sdraiata su una poltrona reclinabile in modo da potersi rilassare e svolgere il training
nel maggior confort possibile. Il sistema legge i dati provenienti dal cervello e gli restituisce dei
feedback che il soggetto può percepire attraverso brevi interruzioni del flusso continuo del suono.
Sono i segnali di simultanee correzioni che permettono la costruzione di nuove connessioni
sinaptiche. In questo modo il cervello si “corregge” autonomamente, imparando dai propri errori e
riorganizzandosi durante la stessa seduta.

I progressi che avvengono nel funzionamento cerebrale si consolidano nel corso delle sedute
successive.

I principi su cui si poggia questa tecnica sono essenzialmente tre:

1. L’autoregolazione o omeostasi dinamica: il cervello possiede propri meccanismi di
autoregolazione. Tuttavia il buon funzionamento può essere stato perturbato da vari tipi di
traumi: fisici e psichici, responsabili di disturbi più o meno importanti, sul piano fisico,
cognitivo o emozionale.
2. La neuroplasticità: il cervello si modifica e si adatta costantemente all’ambiente
circostante. La plasticità neurale rende possibili i cambiamenti organizzativi che
permettono un complessivo migliore funzionamento.
3. L’apprendimento: il cervello è sempre aperto all’apprendimento ed è sempre in grado di
imparare, qualsiasi sia la sua condizione. Questa dinamica porta a cambiamenti
organizzativi che possono avere effetti nelle diverse aree.


È importante ricordare che il nostro cervello lavora al 100% delle sue capacità, ma che il 99% della
sua attività è inconscia e solo l’1% accessibile alla coscienza.

Pertanto il sistema Neuroptimal® consente di accedere e di lavorare anche su contenuti che non
accedono alla verbalizzazione.

Non presenta nessun tipo di effetto collaterale indesiderato, non è assolutamente invasivo e non
impone nulla al sistema nervoso centrale. Viene proposto senza limiti anagrafici o di patologia.
Attraverso di esso non si compie nessuna diagnosi, né è possibile effettuare prescrizioni mediche.

Nello specifico aiuta a combattere lo stress, l’ansia, l’affaticamento, la paura, i disturbi del sonno,
le emicranie, la depressione, le dipendenze, i disturbi di apprendimento e a implementare
performance intellettuali, fisiche e sportive. Le malattie neurovegetative, in particolare, ne
trovano giovamento nel rallentare il decorso e nello stabilizzare l’umore del paziente.


Non è possibile prevedere un numero di sedute necessario per ciascuno soggetto. Tuttavia i primi
benefici spesso appaiono dopo 6-7 sedute, ma è auspicabile continuare l’allenamento per un 20 -
30 sedute e oltre in relazione agli obiettivi stabiliti.

I professionisti che utilizzano questi apparecchi hanno riportato un tasso di soddisfazione dell’80%.

.

Chi si occupa del metodo

dr. ssa Fogliadini Michela:
pedagogista clinico, specializzata nel metodo Feuerstein

Insegnante di scuola secondaria. Attualmente coordinatrice in una scuola zero - sei anni con differenziazione didattica (metodo Montessori). Svolge attività di consulenza a genitori e insegnanti per problematiche inerenti  figli/alunni e la scuola.

dr. ssa Marini Sabrina:
Psicologa

Propone la tecnica Brain Gym®”attraverso sedute individuali a bambini con disturbi specifici dell’apprendimento o difficoltà relazionali. In una scuola secondaria attiva un progetto che mira all'integrazione sociale degli studenti. Incontra la tecnologia “Neuroptimal®”, la cui finalità è affine a quella del Brain Gym. Iscritta alla scuola di psicoterapia sistemico-familiare collabora con uno studio medico proponendo le tecniche apprese.

 

.

COSTI

Pacchetti (8 sedute) = 320 euro
Singole seduta = 50 euro

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi